Due e tre cose su Cristiano Protti a Forlì

Sulla scelta di Direttore Sportivo alla corte dei galletti

Sarà il tempo a dire se Cristiano Protti è la persona giusta per risollevare il morale di un Forlì più affossato di una miniera. Quel tempo che ha sempre fatto difetto ai galletti in questi ultimi anni, pronti a rosolare allo spiedo allenatori e dirigenti in una sequenza più in movimento di un cronometro al Giro d’Italia. Quel che è certo è il riconoscimento, da una grande società, di un modello Sammaurese che ha fatto scuola in questa categoria: budget ridotti, acquisti mirati, giovani da valorizzare. Tutto il contrario di quanto ha fatto il Forlì. Ed è anche normale che fosse così per la diversità di due piazze lontane anni luce per ambizioni, blasone e pubblico.

Qualcuno però a Forlì deve avere fatto un ragionamento alquanto sensato negli ultimi mesi. E cioè: ha senso sborsare tanti soldi per portare a casa risultati identici a una Sammaurese che ne spende un quinto (e forse siamo in difetto)? Perché l’amara realtà è proprio questa: i biancorossi non centrano i playoff da tre anni, e al di là di piazzamenti a ridosso delle prime, portano a casa risultati paragonabili ai pascoliani. Nel campionato 2021/22 addirittura hanno chiuso con gli stessi punti (50). Solo che per i pascoliani sono stati tutti trionfi, per i galletti delusioni; cocenti come nel caso della stagione appena alle spalle, sempre tra le prime cinque sino a quattro giornate dall’epilogo. Insomma, qualcuno deve avere fatto una botta di conti e di valutazioni sino ad arrivare alla scelta drastica di affidare l’edificio a Protti.

Una scelta che rappresenta una scommessa a tutti gli effetti. Prima di tutto perché cade su una persona che di calcio ci capisce eccome, solo che sino ad oggi ha allestito squadre per la salvezza mentre a Forlì si punta a qualcosa di più. Poi per la persona. Protti a San Mauro ha sempre avuto carta banca in tutto, contemporaneamente era Presidente (meglio patron), Direttore sportivo e Direttore generale. A parte un ristretto nucleo di fidatissimi, le decisioni le prendeva direttamente, senza pressioni dirigenziali e di piazza. A San Mauro la parola contestazione è un vocabolo che non esiste. Nel campionato 2019/20 la squadra perse le prime quattro gare e mai l’allenatore, il cugino Stefano, è stato messo in discussione. Difficile immaginare uno scenario simile in una città che ha fame.

Personalmente conosco Cristiano Protti, per tutti i sammauresi Chicco, sin dai tempi delle giovanili a San Mauro. Ha competenza e la giusta ambizione per imporsi a un livello superiore a San Mauro. Il mio augurio è che lo si lasci lavorare in santa pace. Perché sarà pur vero che siamo tutti allenatori ma alcuni lo sono senza dubbio più di altri. Anche perché ci mettono la faccia.

Buona lavoro Chicco

Filippo Fabbri

Scrivere, scrivere, scrivere. Per lavoro e per passione: sport, wine, food, libri e tanto, tanto altro
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy. Noi e i nostri partner pubblicitari selezionati possiamo archiviare e/o accedere alle informazioni sul tuo dispositivo, come i cookie, identificatori unici, dati di navigazione. Puoi sempre scegliere gli scopi specifici legati al profilo accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie, e puoi sempre revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic su "Gestisci consenso" in fondo alla pagina.

Elenco di alcune possibili autorizzazioni pubblicitarie:

Puoi consultare: la nostra lista di partner pubblicitari, la Cookie Policy e la Privacy Policy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy