I ragazzi del 96, Fabio Benaglia

Racconto di una stagione dei record che va oltre il calcio

Sa di partite a carte al bar, fiumi di dialetto, spiagge libere con ombrellone e passatelli in pentola (insalata di riso, per carità), trattoria con tovaglia in cerata tra fagioli cotiche e coniglio nel tegame, discussioni senza filtri condite dal buon senso degl’amici come prima. Parliamo di una Romagna dall’anima popolare, in auge sino alle soglie del secolo scorso, ora annacquata nel debordante ghiaccio degli spritz e dei tatuaggi (chissà come saranno quei “marchi” agli over 50). È in questa Romagna che affonda le radici il libro di Fabio BenagliaI ragazzi del 96” (Corriere Romagna editore) dedicato all’impresa del Cesena dei record nel campionato in C. In premessa un libro sul calcio, nella realtà uno spaccato sociale su un universo fatto di tante piccole e semplici cose simboleggiate da un personaggio che più nazionalpopolare non si può: Edmeo Lugaresi. Presidente nel filone di altri grandi della periferia italiana anni ’80 (Rozzi, Anconetani, Luzzara…) che ha portato il Cesena a vette superate solo dalla zio Manuzin nell’apice della Coppa Uefa.

Benaglia ci parla di una periferia viva, dove il rapporto umano era ancora centrale, gli allenamenti a porte aperte senza correttori ortografici tra il pubblico, e la qualità della vita misurata non dal denaro ma dal numero di telefono sull’elenco a disposizione di tutti (Lugaresi e Azeglio Vicini). In questo contesto il Cesena calcio ha rappresentato un modello, simboleggiato da un settore giovanile capace di sfornare talenti gourmet al ritmo di un fast food e una prima squadra con risultati da casi di studio per Bocconi e Luiss. Un modello, dunque, in parte recuperato in questa stagione col lancio in prima squadra di tanti gioiellini costruiti in casa che hanno definitivamente messo in soffitta il plastificato periodo della gestione Campedelli quando ci si era messi in testa che Cesena doveva essere la Milano Marittima del pallone (non è certo casuale che quegli anni siano i meno citati nel libro).

Tante le storie che meritano una menzione: dal pullman che lascia in autogrill Pasquale Traini di ritorno dal match contro la Juventus, alla maglia di Masitto a Ronaldo, passando per l’umiltà di Piraccini, le vicende personali di Ambrosini e Piccoli, sino a un Rinaudo scartato nel Centro sportivo. È un calcio dal volto umano che ancora la provincia può trasmettere e che Benaglia ha saputo raccontare in maniera egregia nella sua rubrica settimanale sul sito del Corriere Romagna, ora raccolta nel libro. Perché potremo pure arrovellarci su schemi, tattica e moduli di gioco ma “a un dato momento” le cose che contano sono sempre quelle: avere al fianco “L’Anna” che cucina per te, sicuramente meglio del terzino Lanna.

Voto 9/10

Filippo Fabbri

Scrivere, scrivere, scrivere. Per lavoro e per passione: sport, wine, food, libri e tanto, tanto altro
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy. Noi e i nostri partner pubblicitari selezionati possiamo archiviare e/o accedere alle informazioni sul tuo dispositivo, come i cookie, identificatori unici, dati di navigazione. Puoi sempre scegliere gli scopi specifici legati al profilo accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie, e puoi sempre revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic su "Gestisci consenso" in fondo alla pagina.

Elenco di alcune possibili autorizzazioni pubblicitarie:

Puoi consultare: la nostra lista di partner pubblicitari, la Cookie Policy e la Privacy Policy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy