Isla bonita, Nicola Muscas

Recensione del libro di Nicola Muscas ambientato in una Cagliari nell’Isola bellissima

Chi è cresciuto nei mitici anni ’80 – credetemi, sono stati mitici checché ne dicano i “bombaroli” del decennio precedente – hanno sempre associato la ‘Isla bonita’ a una celebre canzone di Madonna, agli albori dell’icona pop. L’idea di collegarla a una storia di calcio era ancora in là dal concepimento anche se i primi “germi” prendevano forma proprio in quegli anni grazie a uno scrittore la cui carta di identità recita 1983 nell’anno di nascita. Nicola Muscas è arrivato al mondo quattro anni prima di quella famosa hit e siccome il suo legame è un tutt’uno con la sua terra di origine, ecco il partorire di un romanzo (‘Isla bonita’ 66thand2nd editore, 2021) che a San Pedro (“Last night I dreamt of San Pedro”) preferisce una Cagliari nell’Isola bellissima, con la sua Malecòn, i barretti dei perdigiorno, il freddo vento dei mesi invernali.

È una città che vive nella gloria del suo unico scudetto nel lontano 1969/70 e che ancora non ha trovato chi possa raccogliere l’eredità di quel mito, Gigi Riva, che ha sacrificato soldi e titoli nazionali per abbracciare tout court la provincia isolana. È in questo contesto che sbarca un irregolare del calcio di nome Santiago Ramiro Rodriguez, per tutti il Gordo. È un uruguagio che ha passato i 30 anni e che ha sprecato il suo talento in tutti i vizi immaginabili, attraversato da una filosofia del fùtbol inteso come “fugace momento di perfezione condiviso”.

È arrivato a Cagliari come specchietto per la tifoseria e invece seguendo la più imprevedibile delle traiettorie del pallone si rivelerà il fantasista estroso capace di riportare la squadra alle vette dei tempi d’oro (“Rodriguez è un rosso moderno che sa di mare e di vento”, scrive Gianni Mura dopo un clamoroso blitz a San Siro). Nulla di geometrico tant’è che più di una curva accompagna le pagine del libro, che mette in campo una ricca galleria di personaggi che accompagnano storia: il diesse navigato Firicano, l’addetto stampa Aresu, la giornalista Laura, l’allenatore sergente Tagliaferro, il massaggiatore Morelli che diviene anche guardia del corpo e investigatore privato.

È un romanzo corale quello di Muscas fatto sì di tante storie che si intrecciano ma fondamentalmente tenute insieme da due personaggi che escono completamente dagli schemi: il calciatore di cui si è detto ma anche il direttore sportivo, personaggio senza scrupoli di sorta che finisce per abbracciare la causa umana del giocatore a dispetto di un portafoglio decisamente gonfio di banconote per la società. Ed è proprio la speciale comunanza tra i due irregolari a fare di ‘Isla bonita’ un gran bel romanzo che vale la pena di essere letto.

 

Voto: 8.5/10

Filippo Fabbri

Scrivere, scrivere, scrivere. Per lavoro e per passione: sport, wine, food, libri e tanto, tanto altro
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy. Noi e i nostri partner pubblicitari selezionati possiamo archiviare e/o accedere alle informazioni sul tuo dispositivo, come i cookie, identificatori unici, dati di navigazione. Puoi sempre scegliere gli scopi specifici legati al profilo accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie, e puoi sempre revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic su "Gestisci consenso" in fondo alla pagina.

Elenco di alcune possibili autorizzazioni pubblicitarie:

Puoi consultare: la nostra lista di partner pubblicitari, la Cookie Policy e la Privacy Policy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy