Sammaurese, bilancio di andata di Taccola

Taccola: “Sammaurese, il bicchiere è mezzo pieno”. Pubblicato sul Corriere Romagna il 31 dicembre 2023

È al confine ultimo della zona calda, la Sammaurese, con quei 21 punti che non lasciano sonni tranquilli ma neanche portano all’autoflagellazione. La sua prima parte di stagione è stata tra alti che hanno toccato l’altissimo (in testa al campionato per quattro turni), e bassi da fare sprofondare le certezze in Dio in un mistico (5 sconfitte di fila). E ancora, c’è una difesa che subisce troppi gol (25, la seconda peggiore) e un attacco che segna tanto (23 reti, il migliore nella parte bassa) con 11 giocatori in rete. Per non parlare poi di un bollettino infortuni da ospedale Bufalini e un mercato limitato a due ingressi ma di peso (Canalicchio e Scalini) per sette giocatori in uscita (l’ultimo è il portiere Zavatti col probabile arrivo del 2005 Riccardo Porcellini da Rimini). Col tecnico Mirko Taccola tracciamo un primo bilancio dell’andata.

Mister, bicchiere mezzo pieno o vuoto?
Pieno, senza dubbio. I ragazzi hanno dato tanto, siamo una squadra giovane, in molte partite abbiamo avuto una media età in campo di 20 anni. Abbiamo vissuto tra alti e bassi e probabilmente dovevamo avere qualche punto in più per alcune prestazioni ma alla fine è il campo che decide e non se ne esce. I 21 punti rispecchiano il nostro percorso.

Il grave infortunio di Tacconi alla sesta giornata ha inciso parecchio.
Sicuramente ha avuto il suo peso, ci ha tolto un riferimento in mezzo al campo. A parte l’inizio di stagione poi non abbiamo mai avuto la squadra al completo per l’assenza di altri (Pacchioni, Montesi, Cecconi, ndr). Ma è inutile recriminare, chi è sceso in campo ha sempre dato il massimo e soprattutto ci ha dato una importante consapevolezza.

Quale?
Che ce la possiamo giocare con tutti. A parte la partita con il Carpi, nelle altre abbiamo giocato alla pari. Con le prime due della classifica, Ravenna e San Marino, meritavamo di più. Con la terza e quarta, Corticella e Forlì, abbiamo vinto. Anche nelle cinque sconfitte consecutive i ragazzi non sono mai mancati e in più di una partita il risultato ci è andato stretto.

La partita più bella della Sammaurese?
Potrà sembrare strano ma dico la sconfitta di Prato. Se nel primo tempo fosse finita 3-0 per noi nessuno avrebbe fiatato. Poi l’infortunio di Tacconi e due reti prese per nostra disattenzione ci hanno piegato. Resta un primo tempo straordinario.

Che ritorno si aspetta?
Sarà un altro campionato, è sempre stato così, perché quasi tutte si sono rinforzate. Ci aspettano 17 partite che sono delle battaglie e noi dobbiamo trovarci pronti. Perché la salvezza ce la dobbiamo sudare sino all’ultimo secondo dell’ultima partita. A questi livelli nessuno ti regala nulla.

Filippo Fabbri

Scrivere, scrivere, scrivere. Per lavoro e per passione: sport, wine, food, libri e tanto, tanto altro
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy. Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy. Noi e i nostri partner pubblicitari selezionati possiamo archiviare e/o accedere alle informazioni sul tuo dispositivo, come i cookie, identificatori unici, dati di navigazione. Puoi sempre scegliere gli scopi specifici legati al profilo accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie, e puoi sempre revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic su "Gestisci consenso" in fondo alla pagina.

Elenco di alcune possibili autorizzazioni pubblicitarie:

Puoi consultare: la nostra lista di partner pubblicitari, la Cookie Policy e la Privacy Policy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy